L’unità di prestito di criptovalute di Genesis dichiara bancarotta negli Stati Uniti

20 gennaio (Reuters) – Il ramo del debito della società di criptovalute Genesis ha presentato istanza di protezione dal fallimento degli Stati Uniti dai creditori giovedì, rovesciata da una disfatta del mercato insieme a società come l’exchange FTX e il prestatore BlackFi.

Genesis Global Capital, uno dei maggiori prestatori di criptovalute, ha congelato i rimborsi dei clienti il ​​16 novembre dopo che il fallimento di FTX ha sbalordito il mondo finanziario, suscitando preoccupazioni che altre istituzioni potessero implodere. La società è di proprietà della società di venture capital Digital Currency Group (DCG).

Il braccio di prestito di Genesis ha affermato di avere sia $ 1 miliardo che $ 10 miliardi di attività e passività e ha stimato di avere più di 100.000 creditori in un deposito presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York.

Genesis Global Holdings, il gruppo capogruppo di Genesis Global Capital, ha presentato istanza di protezione dal fallimento insieme a un altro prestatore, Genesis Asia Pacific.

Genesis Global Holdings ha dichiarato in una dichiarazione che sta valutando una possibile vendita o transazione azionaria per pagare i creditori e che ha 150 milioni di dollari in contanti per sostenere una ristrutturazione.

I derivati ​​e le attività di trading spot, broker dealer e custodia di Genesis non fanno parte del processo di fallimento e continueranno le loro attività di trading con i clienti.

La dichiarazione di fallimento di Genesis è l’ultima di una serie di fallimenti crittografici e ripidi tagli di posti di lavoro, stimolati dal crollo dei prezzi dello scorso anno.

Genesis è già bloccata in una disputa con Gemini Trust Co, fondata dai gemelli identici pionieri della criptovaluta Cameron e Tyler Winklevoss, ex canottieri olimpici statunitensi. Le due società stanno litigando per un prodotto di prestito di criptovalute che hanno lanciato congiuntamente chiamato Earn.

READ  Incidente in elicottero in Australia: quattro morti, molti feriti dopo l'incidente vicino al resort Gold Coast SeaWorld

I gemelli Winklevoss hanno affermato che Genesis doveva più di $ 900 milioni a 340.000 investitori di Earnings. Il 10 gennaio, Cameron Winklevoss ha chiesto il licenziamento di Barry Silbert come amministratore delegato del gruppo di valuta digitale.

Un’ora dopo la dichiarazione di fallimento, Cameron Winklevoss ha twittato che Silbert e il gruppo di valuta digitale hanno continuato a negare ai creditori un accordo equo.

“Se Barry (Silbert) e TCG non tornano in sé e fanno un’offerta equa ai creditori, intenteremo immediatamente una causa contro Barry e TCG”, ha dichiarato Winklevoss in un tweet.

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha accusato Genesis e Gemini il 12 gennaio di aver venduto illegalmente titoli agli investitori attraverso lo schema EARN. Tyler Winklevoss ha detto che la denuncia è stata deludente.

Genesis fornisce risorse digitali a istituzioni finanziarie come hedge fund e gestori patrimoniali $ 3 miliardi di prestiti attivi totali Alla fine del terzo trimestre, secondo il suo sito web, era in calo rispetto agli 11,1 miliardi di dollari dell’anno precedente.

L’anno scorso, Genesis ha esteso $ 130,6 miliardi di prestiti crittografici e ha scambiato $ 116,5 miliardi di asset, secondo il suo sito web.

L’hedge fund di criptovalute con sede a Singapore Three Arrows Capital e Alameda Research, una società commerciale strettamente legata a FTX, sono due dei suoi maggiori mutuatari, ha detto una fonte a Reuters. Entrambi sono in procedura fallimentare.

Il debito di Three Arrows nei confronti di Genesis è stato assunto dalla sua società madre Digital Currency Group (DCG), che ha presentato un reclamo contro Three Arrows. Le società in portafoglio di DCG includono anche il crypto asset manager Grayscale e il servizio di notizie CoinDesk.

READ  Toadzilla, il rospo gigante trovato in Australia, potrebbe essere il più grande del mondo

I prestatori di criptovalute che funzionavano come banche de facto sono fioriti durante la pandemia. Ma a differenza delle banche tradizionali, non sono tenute a detenere cuscini di capitale. All’inizio di quest’anno, la mancanza di garanzie ha costretto alcuni istituti di credito – e i loro clienti – a sopportare ingenti perdite.

Segnalazione di Tom Halls a Wilmington, Delaware e Akanksha Khushi; Montaggio di Lananh Nguyen, Clarence Fernandez e Kim Coghill

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *