L’S&P 500 chiude l’anno peggiore con la peggiore perdita dal 2008

Un uomo va in bicicletta davanti ai monitor che mostrano l’indice giapponese Nikkei 225 presso una società di titoli a Tokyo venerdì. Le azioni asiatiche hanno seguito Wall Street in rialzo venerdì dopo aver incoraggiato i dati sull’occupazione negli Stati Uniti, ma sono scivolate a perdite a due cifre per l’anno. (Hiro Kome, Associated Press)

Tempo di lettura stimato: 5-6 minuti

NEW YORK – Wall Street ha coronato una tranquilla giornata di scambi con pesanti perdite venerdì, mentre l’S&P 500 ha chiuso il libro sull’anno peggiore dal 2008.

L’indice di riferimento ha chiuso il 2022 con una perdita del 19,4%, ovvero del 18,1% inclusi i dividendi. È stato il terzo calo annuale dalla crisi finanziaria di 14 anni fa e una dolorosa inversione di tendenza per gli investitori dopo che l’S&P 500 ha registrato un guadagno di quasi il 27% nel 2021. Tutto sommato, l’indice ha perso $ 8,2 trilioni di valore, secondo S&P Dow Jones Indices. .

Il composito Nasdaq, con un’ampia porzione di titoli tecnologici, ha registrato una perdita ancora maggiore del 33,1%.

Il Dow Jones Industrial Average, nel frattempo, ha registrato una perdita dell’8,8% nel 2022.

Il titolo ha lottato per tutto l’anno infiammazione Ciò ha aumentato la pressione sui consumatori e ha sollevato preoccupazioni per le economie che scivolano in recessione. Le banche centrali hanno alzato i tassi di interesse per contrastare l’aumento dei prezzi. Gli aumenti aggressivi dei tassi da parte della Federal Reserve sono un obiettivo chiave per gli investitori poiché la banca centrale cammina su una linea sottile tra un aumento dei tassi sufficiente a ridurre l’inflazione.

Il tasso di prestito chiave della banca centrale era compreso tra lo 0% e lo 0,25% all’inizio del 2022 e chiuderà l’anno tra il 4,25% e il 4,5% dopo sette aumenti. La Federal Reserve americana prevede che i tassi andranno dal 5% al ​​5,25% entro la fine del 2023. La sua previsione non prevede un taglio dei tassi prima del 2024.

L’aumento dei tassi di interesse ha spinto gli investitori a vendere azioni troppo care di giganti della tecnologia come Apple e Microsoft, nonché di altre società che sono cresciute mentre l’economia si riprende dalla pandemia. Amazon e Netflix hanno perso circa il 50% del loro valore di mercato. La società madre di Facebook, Tesla e Meta Platforms, sono diminuite ciascuna di oltre il 60%, i loro maggiori cali annuali.

L’invasione russa dell’Ucraina Le pressioni inflazionistiche sono peggiorate all’inizio dell’anno, rendendo i prezzi di petrolio, gas e generi alimentari ancora più volatili a causa dei continui problemi della catena di approvvigionamento. Il petrolio ha chiuso venerdì a 80 dollari, 5 dollari in più rispetto all’inizio dell’anno. Ma nel frattempo il petrolio è salito sopra i $ 120, un guadagno del 59% tra 11 settori dell’S&P 500, aiutando i titoli energetici a registrare l’unico guadagno.

La Cina ha trascorso la maggior parte dell’anno imponendo rigide politiche COVID-19 che hanno paralizzato la produzione di materie prime e merci, ma ora sta revocando i viaggi e altre restrizioni. Quale impatto avrà la riapertura della Cina sull’economia globale è incerto a questo punto.

Tuttavia, la battaglia della Fed contro l’inflazione sarà una delle principali preoccupazioni a Wall Street nel 2023, affermano gli analisti. Gli investitori continueranno a cercare di capire meglio se l’inflazione stia diminuendo abbastanza velocemente da allentare la pressione sui consumatori e sulla banca centrale.

Se l’inflazione continua a mostrare segni di allentamento e la Fed modera la sua campagna di aumento dei tassi, ciò potrebbe aprire la strada a un rimbalzo delle azioni nel 2023, ha affermato Jay Hatfield, CEO di Infrastructure Capital Advisors.

“La Fed è stata più alta in questo mercato dal novembre dello scorso anno, quindi se la Fed si ferma e non abbiamo una grave recessione, pensiamo che questo ci prepari per un rally”, ha detto.


La Fed è stata effettivamente rialzista su questo mercato dal novembre dello scorso anno, quindi se la Fed si ferma e non abbiamo una grave recessione, pensiamo che questo ci prepari per un rally.

-J Hadfield


Ci sono state pochissime notizie aziendali o economiche che Wall Street ha potuto esaminare venerdì. Questo, oltre a una settimana abbreviata durante le vacanze, ha posto le basi per un trading prevalentemente leggero.

L’S&P 500 ha chiuso in ribasso di 9,78 punti, o dello 0,3%, a 3.839,50. L’indice ha registrato una perdita del 5,9% a dicembre.

Il Dow ha chiuso in ribasso di 73,55 punti, o dello 0,2%, a 33.147,25. Il Nasdaq è sceso di 11,61 punti, o dello 0,1%, a 10.466,48.

Tesla è salita dell’1,1% in quanto si è stabilizzata dopo le forti perdite all’inizio della settimana. Le azioni del produttore di veicoli elettrici potrebbero crollare del 65% nel 2022, spazzando via circa 700 miliardi di dollari di valore di mercato.

Southwest Airlines è salita dello 0,9%, tornando alla normalità dopo un’importante cancellazione delle sue operazioni durante le festività natalizie. Il titolo ha chiuso la settimana in ribasso di un altro 6,7%.

Anche i titoli delle piccole società sono scesi venerdì. Il Russell 2000 ha chiuso in ribasso di 5 punti, o dello 0,3%, a 1.761,25.

I rendimenti obbligazionari sono per lo più più alti. Il rendimento del Tesoro a 10 anni, che influenza i tassi ipotecari, è salito al 3,88% dal 3,82% di giovedì scorso. Mentre le obbligazioni generalmente vanno meglio quando le azioni scendono, il 2022 si è rivelato uno degli anni peggiori della storia per il mercato obbligazionario, grazie ai rapidi aumenti dei tassi della Fed e all’inflazione.

La prima settimana del 2023 vede diversi importanti aggiornamenti nel mercato del lavoro. È stata una parte particolarmente forte dell’economia e ha contribuito a creare un cuscinetto contro la recessione. Ciò ha reso più difficile il lavoro della banca centrale, poiché un’occupazione e salari forti devono essere aggressivi per combattere l’inflazione. Ciò aumenta il rischio di un rallentamento significativo dell’economia e di provocare una recessione.

Mercoledì la banca centrale pubblicherà i verbali della sua ultima riunione politica, fornendo agli investitori maggiori informazioni sulle sue prossime mosse.

Mercoledì il governo pubblicherà anche il suo rapporto sull’occupazione di novembre. Sarà seguito giovedì da un aggiornamento settimanale sulla disoccupazione. Il rapporto mensile sull’occupazione, attentamente monitorato, è previsto per venerdì.

Wall Street è in attesa dell’ultima tornata di rapporti sugli utili societari, che inizieranno ad arrivare a metà gennaio. Le aziende avvertono gli investitori che l’inflazione eroderà i loro profitti e guadagni nel 2023. Solo dopo aver trascorso gran parte del 2022 ad aumentare i prezzi di tutto, dal cibo all’abbigliamento, nel tentativo di compensare l’inflazione, molte aziende sono andate oltre e hanno effettivamente ridotto i propri margini di profitto.

Secondo FactSet, le società dell’S&P 500 dovrebbero registrare un calo degli utili del 3,5% nel quarto trimestre. Gli analisti prevedono che gli utili saranno pressoché invariati nella prima metà del 2023.

I mercati azionari statunitensi saranno chiusi lunedì per le vacanze di Capodanno.

Fotografie

Ultime storie di affari

Damiano J. Troyes e Alex Vega

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Le esplosioni scuotono le città ucraine mentre la Russia lancia ondate di "più di 100 missili"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *