Il ministro kosovaro afferma che la Serbia mira a destabilizzare il Paese

MITROVICA, Kosovo, 27 dic (Reuters) – La Serbia, sotto l’influenza della Russia, mira a destabilizzare il Kosovo bloccando le strade nel nord e sostenendo la minoranza serba, che combatte da quasi tre settimane. Martedì. .

I serbi hanno eretto martedì nuove barricate nella città divisa etnicamente di Mitrovica, nel nord del Kosovo, poche ore dopo che la Serbia ha dichiarato di aver messo il suo esercito in massima allerta dopo settimane di crescenti tensioni tra Belgrado e Pristina.

“La Serbia, sotto la pressione della Russia, ha ordinato nuove barricate e una maggiore prontezza militare per giustificare e proteggere i gruppi criminali che terrorizzano i cittadini serbi che vivono in Kosovo”, ha affermato Svekla in una nota.

La Serbia nega di aver tentato di destabilizzare il suo vicino e afferma di voler proteggere la sua minoranza lì. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato martedì che la Serbia “continuerà a lottare per la pace e cercherà soluzioni di compromesso”.

Belgrado ha dichiarato lunedì scorso di aver ordinato ai suoi militari e alla polizia di essere in massima allerta alla luce dei recenti eventi nella regione e la sua convinzione che i serbi del Kosovo si stessero preparando ad attaccare e rimuovere con la forza il blocco.

Dal 10 dicembre, i serbi nel nord del Kosovo hanno istituito diversi posti di blocco a Mitrovica e dintorni e hanno scambiato colpi di arma da fuoco con la polizia dopo che un ex poliziotto serbo è stato arrestato per aver aggredito agenti di polizia in servizio.

Il Kosovo a maggioranza albanese ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008, sostenuto dall’Occidente, a seguito di una guerra del 1998-1999 e dell’intervento della NATO per proteggere i suoi cittadini di etnia albanese.

READ  Il secondo giorno della testimonianza completa nel processo per omicidio Murdock riprende alle 9:30

Il Kosovo non è membro delle Nazioni Unite e cinque paesi dell’UE – Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia e Cipro – si rifiutano di riconoscere lo stato del Kosovo.

La Russia, storico alleato della Serbia, blocca l’adesione del Kosovo alle Nazioni Unite.

Circa 50.000 serbi vivono nella parte settentrionale del Kosovo e si rifiutano di riconoscere il governo di Pristina o il governo. Vedono Belgrado come la loro capitale.

Il governo del Kosovo ha affermato che la polizia è capace e pronta ad agire, ma la forza di mantenimento della pace KFOR in Kosovo della NATO ha affermato di essere in attesa di rispondere a una richiesta di rimozione del blocco.

Vucic ha detto che sono in corso colloqui con diplomatici stranieri su come risolvere la situazione.

A Mitrovica martedì mattina i camion sono stati fermati per bloccare la strada che collega la cittadina a maggioranza serba con la zona a maggioranza albanese.

I serbi chiedono il rilascio dell’ufficiale arrestato e altre richieste prima che le sanzioni vengano revocate.

I sindaci serbi dei comuni del Kosovo settentrionale, insieme ai giudici locali e a 600 agenti di polizia, si sono dimessi il mese scorso per protestare contro la decisione del governo del Kosovo di rilasciare a Pristina targhe automobilistiche di origine serba.

L’invasione russa dell’Ucraina ha portato i paesi dell’UE a dedicare più energia al miglioramento delle relazioni con sei paesi balcanici: Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia, nonostante la continua riluttanza ad espandere ulteriormente l’UE.

READ  La polizia afferma che un insegnante di 6 anni è stato ucciso a Newport News, in Virginia

(Segnalazione di Fatos Baitsi e Ivana Secularak, Montaggio di Alexandra Hudson)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *