I repubblicani della linea dura stanno scavando contro l’offerta di McCarthy per il presidente della Camera

WASHINGTON, 5 gennaio (Reuters) – I repubblicani intransigenti alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno respinto l’offerta di Kevin McCarthy per la carica di portavoce giovedì per l’undicesima volta, mentre i suoi sostenitori hanno lavorato a porte chiuse nella speranza di assicurarsi un accordo che potesse portare alla vittoria.

Il voto ha fatto precipitare la Camera in un crollo che non si vedeva dall’era tumultuosa appena prima della guerra civile, sollevando interrogativi sulla capacità del partito di esercitare il potere anche dopo che McCarthy si era offerto di frenare la propria influenza.

Dopo l’undicesimo scrutinio, la Camera si è aggiornata per la terza volta questa settimana senza eleggere un presidente. I legislatori si riuniranno di nuovo venerdì pomeriggio (17:00 GMT).

Gli oppositori di McCarthy affermano di non credere che combatterà per i profondi tagli alla spesa e altre restrizioni che vogliono imporre al presidente Joe Biden e al Senato controllato dai democratici.

Ma alcuni repubblicani speravano in un accordo tra il Partito Repubblicano della California e almeno 20 conservatori intransigenti.

“Le cose si stanno unendo in un modo molto salutare”, ha detto il rappresentante Patrick McHenry, un sostenitore di McCarthy pronto a guidare un panel congressuale di alto livello.

“Non conosciamo la tempistica. Ma l’impegno c’è, ecco perché sono ottimista”, ha detto.

Tra l’altro, secondo il deputato repubblicano Brian Fitzpatrick, un possibile accordo consentirebbe un voto sui limiti di mandato per i membri del Congresso.

Ma i sostenitori di McCarthy si sono fermati prima di prevedere una soluzione all’impasse in tempi brevi.

L’incapacità di eleggere un oratore ha lasciato impotente la Camera da 435 seggi: i membri neoeletti non potevano nemmeno prestare giuramento formale, tenere udienze, prendere in considerazione la legislazione o esaminare Biden e la sua amministrazione.

READ  L'Ucraina licenzia 2 funzionari mentre Zelensky rinnova la campagna anticorruzione: aggiornamenti in tempo reale

I repubblicani hanno tenuto una sottile maggioranza di 222-212 alla Camera nelle elezioni di medio termine di novembre, il che significa che McCarthy non poteva perdere il sostegno di più di quattro repubblicani mentre i democratici si univano attorno al proprio candidato.

McCarthy, sostenuto dall’ex presidente Donald Trump per la posizione, ha fatto diverse concessioni che indeboliscono il ruolo dell’oratore, che gli alleati politici hanno avvertito gli renderebbero il lavoro ancora più difficile se lo ottenesse.

Almeno 200 repubblicani hanno sostenuto McCarthy in ogni votazione di questa settimana. Meno del 10% dei parlamentari repubblicani ha votato contro di lui, ma è bastato per negargli i 218 voti necessari per succedere alla democratica Nancy Pelosi alla presidenza.

“Quello che vedi su questo sito non significa che siamo morti”, ha detto la rappresentante repubblicana Anna Paulina Luna, che ha nominato il rivale di McCarthy Byron Donalds per il decimo scrutinio.

‘Fatti una camicia di forza’

“Posso dirti che stanno accadendo alcune cose buone”, ha detto la rappresentante Marjorie Taylor Green, una sostenitrice di McCarthy che è uno dei conservatori più espliciti alla Camera. “Penso che vedremo un po’ di movimento.”

Ma alcuni degli avversari di McCarthy non mostrano alcun segno di cedimento.

“Finisce in due modi: Kevin McCarthy abbandona la corsa o creiamo una camicia di forza che non vuole evitare”, ha detto il rappresentante Matt Gates, un repubblicano che ha votato per Trump come oratore.

In qualità di oratore, McCarthy ricopre in genere una posizione nel plasmare l’agenda della camera ed è il secondo in fila alla presidenza dietro il vicepresidente Kamala Harris. Avrebbe il potere di frustrare l’agenda legislativa di Biden in vista delle elezioni presidenziali del 2024 e avviare indagini sulla famiglia e sull’amministrazione del presidente.

READ  La Germania approva 2 Leopard Tanks per l'Ucraina; Gli Stati Uniti si impegnano con M1 Abrams

In una sessione di contrattazione a tarda notte, McCarthy ha dato più influenza su quale legislazione dovrebbe essere votata, secondo una fonte vicina ai colloqui.

Ha anche dato a ogni singolo membro la possibilità di indire un referendum per rimuoverlo dall’incarico, una mossa che ha aiutato almeno un repubblicano, il precedente oratore, John Boehner, a ritirarsi.

Queste concessioni possono aiutare McCarthy a vincere alcune resistenze, ma se alla fine vincerà il ruolo di oratore, sarà vulnerabile agli estremisti nei prossimi due anni.

Ciò ha allarmato alcuni democratici che sono stati spettatori del dramma negli ultimi tre giorni.

“Con ogni offerta, deve svegliarsi ogni giorno chiedendosi se riuscirà ancora a ottenere il suo lavoro”, ha detto ai giornalisti il ​​rappresentante Richard Neal, un democratico.

L’incapacità di trovare un accordo su un leader solleva interrogativi sul fatto che i repubblicani forzeranno la chiusura del governo o rischieranno il default entro la fine dell’anno nel tentativo di ottenere forti tagli alla spesa. Pochi dicono di aspettarsi che McCarthy o qualsiasi altro presidente repubblicano adottino questo approccio.

Se alla fine McCarthy non riesce a unire i repubblicani, dovranno cercare un sostituto. Il repubblicano numero 2 della Camera Steve Scalise e il rappresentante Jim Jordan hanno appoggiato McCarthy. La Giordania ha ricevuto 20 voti quando è stata nominata martedì dalle resistenze.

Reportage di Moira Warburton, Doina Chiacu, David Morgan, Kanishka Singh e Gram Slattery; Scritto da Andy Sullivan; Montaggio di Will Dunham, Howard Koller e Christian Schmollinger

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Gram Slattery

Thomson Reuters

Reporter con base a Washington che copre campagne e Congresso. Precedentemente pubblicato a Rio de Janeiro, San Paolo e Santiago del Cile e riportato ampiamente in tutta l’America Latina. Co-vincitore del premio Reuters Journalist of the Year 2021 nella categoria copertura aziendale per una serie sulla corruzione e la frode nell’industria petrolifera. È nato nel Massachusetts e si è laureato all’Harvard College.

READ  Inondazioni in California: tutta Montecito sotto ordine di evacuazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *