Articoli

Finita l’era di Splendour of the Seas

Quest’oggi per Splendour of the Seas a Venezia non solo termina una crociera ma bensì finisce la sua era come nave appartenete alla flotta di Royal Caribbean International.
Sarà Thomson Cruises, marchio crocieristico con sede nel Regno Unito appartenente al gruppo TUI AG, a prendersi cura della nave che solcherà a breve di nuovo il mare con il nome di TUI Discovery.

Splendour of the Seas diventa TUI Discovery

,

Ritorno negli Emirati Arabi di Royal Caribbean

Royal Caribbean International dopo due anni di assenza farà ritorno per la stagione invernale 2015-2016 negli Emirati Ararbi.

La compagnia Royal Caribbean ha annunciato che a dicembre del 2015, dopo ben due anni di assenza, farà ritorno nel Golf Persico offrendo ben 16 crociere da sette notti con scali a Dubai, in Oman e Abu Dhabi. Sarà impiegata la nave da crociera Splendour of the Seas che dopo la sua stagione estiva nel Mediterraneo il 21 novembre 2015 salperà da Venezia in direzione di Dubai offrendo quindi una crociera di riposizionamento attraverso il canale di Suez.

La Spendour of the Seas resterà quindi negli Emirati Arabi da Dicembre 2015 fino a marzo dell’anno successivo.

Precedentemente Royal Caribbean aveva impiegato la Brillance of the Seas con partenze da Dubai ma per ragioni economiche nel 2013 aveva lasciato la regione.

 

Royal Caribbean: cancellati gli scali a Bari nel 2013

La compagnia americana Royal Caribbean International ha cancellato tutti gli scali presso il porto di Bari a partire dalla stagione 2013. Erano previsti scali regolari effettuati, come quest’anno, dalla nave da crociera Splendour of the Seas durante la crociera nelle isole della Grecia.

Una decisione che arriva all’improvviso essendo il catalogo cartaceo già stampato e disponibile da qualche settimana con ancora l’itinerario che comprende lo scalo pugliese. La Splendour of the Seas durante le sue crociere di sette giorni con partenza e arrivo da Venezia effettuerà quindi scali in altre nazioni a scapito dell’Italia. I porti , a dipendenza dell’itinerario e dalla data che andranno a sostituire Bari sono: Argostoli in Grecia, Spalato in Croazia, Dubrovnik in Croazia, Kotor in Montenegro.

 

Porto di Bari

Royal Caribbean: sempre più orientato al mercato italiano

Nell’estate 2012 cresce l’attenzione di Royal Caribbean International per gli ospiti italiani! A coronare le indimenticabili crociere nel Mediterraneo, la compagnia riserva infatti particolare riguardo al mercato italiano con un’offerta speciale anche a bordo: dalle escursioni, all’offerta food & beverage, al personale di servizio dedicato, tutto è organizzato per rispondere alle esigenze locali in maniera sempre più mirata.

Senza dimenticare che uno dei punti di forza Royal Caribbean International sono i prezzi chiari e trasparenti, che includono sempre tasse, mance e assicurazione. “L’italianità”, in linea con i Gold Anchor standard di servizio che contraddistinguono la Compagnia ponendola al vertice delle classifiche crocieristiche, sarà sempre più un altro tratto distintivo delle crociere Royal Caribbean.

Continua a leggere

Crociere: due milioni di passeggeri per il porto di Bari

Ecco i dati inerenti al flusso di passeggeri al porto di Bari che registra un incremento complessivo del 2,5 %, con un totale di 1.951.000 passeggeri (tra crociere e traghetti). Questo incremento è anche dovuto dagli itinerari proposti dalla compagnia Royal Caribbean che, dal 2011, ha inserito Bari  come porto. Oggi il traffico crocieristico ammonta a 586.848 passeggeri.

Tra le varie nave da crociera che nel 2012 attraccheranno al port di Bari, farà parte anche la nuovissima nave della flotta MSC Crociere la MSC Divina (battesimo maggio 2012) e la appena rinnovata Splendour of the Seas della compagnia americana Royal Caribbean
.