Diario di Bordo

Jewel of the Seas

Natale e Capodanno in crociera tra le isole caraibiche

Parte 1 / leggi parte 2

Durante le festività natalizie e capodanno, noi di Passione Crociere abbiamo trascorso le nostre vacanze a bordo della nave da crociera Jewel of the Seas della compagnia Royal Caribbean International. Siamo rimasti a bordo per due crociere da sette notti l’una con partenza il 21 dicembre 2013 dal porto di San Juan, Puerto Rico.

Durante la nostra prima settimana a bordo della nave da crociera Jewel of the Seas di Royal Caribbean International, tutta caraibica, abbiamo visitato isole come St. Thomas, St. Croix, Antigua, St. Lucia e St. Kitts, prima del rientro verso il home port della nave ossia San Juan, Puerto Rico. Da qui siamo poi ripartiti per la nostra seconda crociera sempre a bordo della Jewel of the Seas alla scoperta di altri porti.

Diario di bordo di Passione Crociere a bordo della Jewel of the Seas

Prima di imbarcare abbiamo trascorso due notti proprio a San Juan in un albergo in riva al mare. L’area dove si trova l’albergo è chiamata Isla Verde, qui si trovano tutti gli hotel delle grandi catene internazionali.

Per chi si ferma a Puerto Rico per una notte è consigliato scegliere una sistemazione a Old San Juan in modo da sfruttare al massimo la permanenza, così da poter visitare questo bellissimo borgo coloniale.

Jewel of the Seas, racconto di viaggio della crociera nei Caraibi.

La meteo durante questa prima settimana di crociera è stata caratterizzata da temperature attorno ai 28/ 30 gradi con qualche precipitazione di breve durata quasi tutti i giorni. La nave durante questa crociera di Natale è stata al completo con più di 2.300 ospiti di cui 16 italiani. Questo si è fatto sentire soprattutto durante la giornata di navigazione, che nel nostro caso si è tenuto il giorno di Natale, trovare una sdraio libera non era missione facilissima ma non impossibile.

Servizio e qualità delle pietanze eccellente al ristorante principale con una scelta di ottimi menu. Anche presso il ristorante a buffet Windjammer Café la qualità del cibo era impeccabile, con una grande varietà di scelta, ogni giorno con nuove proposte, questo anche per cena. Peccato per i due ristoranti di specialità il Chops Grill e Portofino che a bordo delle Jewel of the Seas non ci sono piaciuti, sia per il servizio che per la cucina e l’ambiente. Rispetto alle nostre trascorse esperienze a bordo delle navi Royal Caribbean International qui purtroppo non possiamo dare un voto positivo.

L’imbarco a bordo nave è stato veloce, efficiente e ben organizzato, in un attimo eravamo a bordo ad ammirare la Old San Juan dal ponte più alto della nave. La nave da crociera Jewel of the Seas, in servizio da maggio del 2004, è l’ultima delle quattro navi che compongono la Classe Radiance, insieme alla Radiance, Brillance e alla Serenade of the Seas, quest’ultime due sono in servizio durante la stagione estiva in Europa. La Brillance of the Seas nei mari del Nord invece la Serenade of the Seas nel Mediterraneo.

Questa nave si contraddistingue con le sue ampie vetrate sul mare e un design ispirato a quello degli yacht. Sono 13 i ponti, con il “Centrum” che si estende su ben nove ponti quale vero cuore della nave con scalinate circolari, soffitti a volta e ascensori di vetro con viste panoramiche sul mare.

Racconto di viaggio: il Centrum a bordo della nave Jewel of the Seas.

Verso le 20:30, dopo aver effettuato la classica esercitazione, la Jewel of the Seas lascia il porto portoricano verso la prima nostra meta: l’isola di St. Thomas che abbiamo raggiunto verso le 08:00 di mattina del secondo giorno.

L’isola di St. Thomas

Il porto crocieristico di St. Thomas si trova nei pressi della Capitale dell’isola ossia Charlotte Amalie. Per pochi dollari é possibile raggiungere il centro usufruendo dei taxi collettivi, oppure per chi preferisce fare due passi può raggiungere il centro costeggiando la baia per circa 20 minuti passando accanto al porto degli Yacht.

St. Thomas è un’isola delle piccole Antille appartenente all’arcipelago delle Isole Vergini americane. Ex colonia tedesca, un tempo quest’isola era rifugio dei pirati, oggi invece è un vero paradiso per velisti e per gli amanti dello shopping. Le viuzze strette del centro sono piene di negozi e ristoranti.

La nave da crociera Jewel of the Seas effettua scalo a St. Thomas.

Le temperature oscillano tra i 24 e i 30 gradi, durante la nostra sosta abbiamo registrato 28 gradi. Per noi è stata la terza visita all’isola di St. Thomas quindi abbiamo optato per una visita a Charlotte Amalie. Verso le 17:00 la nave Jewel of the Seas lascia l’isola per la nostra seconda destinazione: St Croix.

L’isola di St. Croix

St. Croix, come già St. Thomas, è un’isola caraibica delle piccole Antille appartenente all’arcipelago delle Isole Vergini americane. Per superficie è la maggior isola dell’arcipelago occupando 214,66 chilometri quadrati.

Raggiungiamo il porto, che si trova a Frederiksted, puntuali alle 08:00. La Capitale di St. Croix è Christiansted con poco più di 3’ooo abitanti. Questa si trova a circa 30 minuti di trasferta in taxi dal porto crocieristico. Sicuramente questa cittadina vale una visita per ammirare il forte e fare una passeggiata nella Capitale stessa. Per la trasferta vi sono dei servizi Shuttle per un costo di 16 dollari a persona, andata e ritorno, i biglietti sono acquistabili una volta scesi direttamente al porto. Possono essere anche acquistate altre escursioni.

Per chi invece preferisce non effettuare spostamenti può semplicemente recarsi a piedi in spiaggia che si trova a sinistra accanto al porto.

Racconto di viaggio della crociera nei Caraibi con visita a St. Croix.

Nel corso della sua storia quest’isola ha cambiato ben sette volte gli stati: Spagna, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Francia, Cavalieri di Malta, Danimarca ed infine Stati Uniti. Lasciamo le Isole Vergini verso le 17:00 per raggiungere la nostra terza destinazione durante questa crociera nei Caraibi a bordo della Jewel of the Seas.

L’isola di Antigua e Barbuda

Antigua e Barbuda è uno Stato con una superficie di 442 chilometri quadrati, 88.710 abitanti con Capitale St. John’s. Le temperature su quest’isola sono costanti, tra i 22 e i 30 gradi.

La nave da crociera Jewel of the Seas raggiunge il porto verso le 08:00 di mattina. Il centro di St. John’s si raggiunge a piedi una volta scesi dalla nave. Ad accogliere i passeggeri casette coloratissime dove all’interno si trovano innumerevoli negozi, bar e ristoranti. Tra le attrazioni della città è sicuramente la cattedrale anglicana di St. John’s the Divine risalente al 1683, purtroppo un terremoto la distrusse rendendola inaccessibile al pubblico. La Old Court House, costruita nel 1747 che attualmente ospita il Museo di Antigua e Barbuda con un’ampia collezione di manufatti Arawak, la popolazione nativa delle Antille. Ci si impiega poco tempo a visitare la città, sicuramente anche il mercato locale vale una visita.

Crociera ai Caraibi a bordo della Jewel of the Seas: Antigua e Barbuda

L’isola di Antigua è inoltre conosciuta per le sue 365 spiagge quindi meta preferita per chi piace trascorrere la giornata tra bagni di sole e mare.

Una visita merita anche l’English Harbour e il Nelson’s Dockyard. Si tratta di un area ci si estende per 38 chilometri quadrati. Costruiti durante il periodo britannico nel 18 esimo secolo l’area è composta da un cantiere nautico, un museo, diversi ristoranti e un alloggio. Oggi è meta internazionale per i velisti. Va tenuto conto di una trasferta in taxi per raggiungere quest’area.

In visita presso English Harbour e il Nelson’s Dockyard ad Antigua e Barbuda.

Verso le 17:00 la nave lascia il porto, il giorno seguente quindi quello di Natale lo abbiamo passato in navigazione. La nave è al completo e questo durante un giorno di navigazione si vede, e quindi con un po’ di pazienza ci si cerca un posto nel quel passare la giornata a bordo della Jewel of the Seas. Le attività a bordo sicuramente non mancano, dalla parete per l’arrampicata, al minigolf a nove buche, campo multifunzionale (pallavolo, basket, calcio), scivolo, piscina esterna ed interna, palestra, tennis da tavolo, biliardo, sala giochi, svariate attività di animazione tutte gratuite, e per gli amanti del relax c’è il centro benessere SPA con i trattamenti a pagamento.

Ponte dedicato al tempo libero a bordo della nave da crociera Jewel of the Seas

L’isola di St. Lucia

St. Lucia fa parte delle Piccole Antille e si trova a nord delle isole di Saint Vincent e Grenadine e a sud di Martinica. I primi a popolare l’isola furono gli arauachi intorno al III secolo d.C. Ad. Si ritiene invece che il primo europeo a raggiungere l’isola sia stato l’esploratore spagnolo Juan de la Cosa intorno al 1500. L’isola di St. Lucia, che si presenta in tutto il mondo grazie all’immagine dei due vulcani, è stata per molti anni contesa tra la Francia e la Grand Bretagna soprattutto a causa dell’importanza strategica del porto naturale di Castries dove oggi si fermano le navi da crociera. L’isola ha cambiato per ben 14 volte di proprietà, nel 1814 i britannici riuscirono ad affermarsi definitivamente. La Capitale di Castries è raggiungibile dal porto crocieristico a piedi dopo una breve camminata.

Purtroppo qualche giorno prima una tempesta tropicale ha distrutto diverse strade nel sud dell’isola rendendo inaccessibile molte regioni tra cui il vulcano. Questo ha causato la cancellazione di diverse escursioni, tra le quali anche la nostra che aveva come meta il vulcano e la città di Soufrière. Abbiamo quindi optato per una giornata in spiaggia raggiunta dopo poco più di 15 minuti di trasferta in taxi. La spiaggia si chiama Rotney Bay. Durante una delle nostre precedenti crociere abbiamo potuto visitare già in dettagli quest’isola quindi una giornata in spiaggia è stata un’ottima alternativa.

La spiaggia di Rotney Bay sull'isola di St. Lucia

Una curiosità di St. Lucia: quest’isola vanta il più alto tasso di vincitori di Premi Nobel in rapporto alla popolazione nazionale. Ben due, infatti, hanno ottenuto tale riconoscimento: l’economista Arthur Lewis vinse il Premio Nobel per l’economia nel 1979, mentre Derek Walcott ricevette quello per la letteratura nel 1992. Lasciamo St. Lucia alle 17.00 per la volta della nostra ultima meta durante questa prima crociera a bordo della Jewel of the Seas.

L’isola di St. Kitts e Nevis

St. Kitts e Nevis sono due isole maggiori dove il punto più alto a 1.156 metri è sul Monte Liamuiga. La Capitale è Basseterre dove si trova anche il porto crocieristico. Una delle attrazioni principali a St. Kitts è sicuramente il treno turistico che porta gli ospiti a scoprire quest’isola. Se si desidera effettuare quest’escursione bisogna prenotarla direttamente a bordo nave perché altrimenti non è possibile acquistarla.

Treno turistico a St. Kitts e Nevis.

Sull’isola di St. Kitts si coltiva prevalentemente cotone e canna da zucchero ora le principali altre attività economiche vi è l’allevamento di bestiame, la pesca e l’agricoltura. Una notevole importanza riveste il turismo.

Dopo una breve trasferta in bus si sale a bordo del treno turistico a due piani. Il tracciato fu costruito per il trasporto delle canne da zucchero e costeggia il mare passando tra paesini e le vecchie piantagioni. Durante il viaggio in treno vengono servite bevande, comprese nel prezzo dell’escursione e un gruppo di cantanti propone canzoni locali durante il viaggio che dura poco meno di due ore circa.

La nostra prima settimana di crociera a bordo della Jewel of the Seas si conclude a Puerto Rico e come noi anche altri 44 passeggeri rimangono ancora a bordo per una seconda crociera ossia quella dell’ultimo dell’anno.

Consigli:

  • Per maggiori informazioni sul porto come ad esempio i luoghi da visitare, la valuta locale, le spiagge e le aree per lo shopping come anche i relativi costi per arrivarvi in taxi il consiglio è quello di passare al Guest Relation desk e prendersi il foglio informativo sul porto che sono esposti direttamente sul bancone.
  • Chiedete consigli sulle spiagge o luoghi da visitare oppure sulle reti Wi-Fi gratuite ai membri dell’equipaggio come ad esempio il vostro cabinista oppure i camerieri al ristorante principale. Loro sicuramente vi daranno la dritta giusta.

Clicca su questo link per accedere alla seconda parte del nostro diario di bordo della Jewel of the seas in crociera nei Caraibi.