Crociere: il trend positivo continua anche nel 2014

L’industria delle crociere naviga in buone acque, questo anche grazie ad un’economia mondiale in recupero, un 2013 positivo e un andamento per quest’anno di crescita con un incremento di nuove navi del 4.3% rispetto all’anno scorso. Questo quanto riportato lo scorso venerdì 17 gennaio durante la conferenza stampa della CLIA (Cruise Lines International Association) tenutasi a New York.

 

Crociere: il trend positivo continua anche nel 2014

Meta con più afflusso di navi da crociera sono i Caraibi, foto Passione Crociere.

 

Le 63 compagnie crocieristiche, membri del CLIA, prevedono per quest’anno di ospitare a livello mondiale ben 21.7 milioni passeggeri, con 6.54 milioni di ospiti provenienti dall’Europa. Per rispondere alla crescente domanda di crociere, le compagnie introdurranno nel biennio 2014-2015 in totale 24 nuove navi da crociera, con un rispettivo aumento della capacità pari a 37.546 posti letto. L’investimento per le nuove ammiraglie è di circa 8 miliardi di dollari.

“L’industria mondiale crocieristica attualmente si trova in un momento eccellente, questo grazie al forte interesse da parte dei consumatori verso il prodotto crociera e ai significativi investimenti da parte delle compagnie stesse, che per garantire sempre più un’ampia varietà di navi da crociera in grado di raggiungere i luoghi più esotici del mondo, offrono esperienze uniche di vacanza” ha commentato Christine Duffy, Presidente e CEO di CLIA.

I dati definitivi dell’anno scorso saranno resi noti durante l’annuale fiera del settore crociere, Cruise Shipping che si tiene a Miami nel mese di marzo. Le prime indicazioni fornite dal CILA a livello mondiale, il numero di passeggeri si aggira attorno ai 21.3 milioni. Secondo le previsioni per 2014 i passeggeri trasportati dovrebbe raggiungere i 21,7 milioni, con ben 6.54 provenienti dall’Europa.

Robert Ashdown, Segretario Generale di CLIA Europe: “L’incredibile varietà e la diversificazione dell’offerta è alla base della continua crescita della vacanza in crociera, questa è stata confermata dal numero di passeggeri europei nel 2013, un dato che ha infranto ogni precedente record.” Ashdown riferendosi al 2014 aggiunge “Nonostante tutte le difficoltà economiche in Europa, il numero di cittadini del vecchio continente che prenoteranno una vacanza in crociera è destinato ad aumentare anche quest’anno”.

La destinazione con maggior afflusso in termini di presenza delle navi da crociera rimangono i Caraibi, con 37.3% degli itinerari globali, seguito dal Mediterraneo con 18.9% e il Nord Europa con 11.1%.

Le destinazioni che seguono la stagionalità oppure più ricercate si posizionano di conseguenza con una percentuale più bassa come l’Australia / Nuova Zelanda con 5.9%, l’Alaska con 4.5%, l’Asia con 4.4% e Sud America con 3.3%.

L’Asia nel corso di quest’anno, sarà la destinazione che in percentuale potrà registrare l’aumento più significativo in numero di presenza di navi da crociera pari a un + 31.6% rispetto al 2013, seguito dall’Australia con un + 22%, i Caraibi con + 12% e infine il Nord Europa con un più 5.2%.

Anche il numero delle navi da crociera delle 63 compagnie crocieristiche, membri del CLIA, sono in crescita rispetto al 2013 con 17 navi da crociera in più raggiungendo entro la fine dell’anno le 410 unità.

La crescita nella realizzazione di nuove navi non si ferma, per quest’anno e il 2015 verranno prese in consegna da parte delle compagnie complessivamente 24 nuove navi da crociera, per un investimento totale di circa 8 miliardi di dollari. Per il triennio 2016 – 2018 sono già dodici le unità tra quelle confermate e quelle in opzione, se tutte realizzate rappresenteranno un ulteriore aumento pari a 33.192 posti letto con un investimento stimato che supera i 7.9 miliardi di dollari.

[hr top]