,

Crociere: avanti tutta per Costa Crociere e il porto di Savona

La presa di contatto tra le navi Costa Crociere e Savona risale al novembre 1996, con l’arrivo di Costa Riviera, prima nave da crociera italiana ad attraccare nel porto ligure. Tappa fondamentale di un rapporto che da allora non ha avuto soluzioni di continuità è stata, il 24 novembre 2003, l’inaugurazione del Palacrociere, la stazione marittima, co-finanziata da Costa con un investimento di circa 3,6 milioni di euro.

Costa Crociere ha confermato il suo radicamento a Savona ed i programmi di espansione portuale. Nel 2012 i croceristi attesi al Palacrociere saranno circa 900.000 con 220 scali, risultati in linea con i numeri record registrati nel 2011.

La continuità ed il rafforzamento del rapporto tra Costa Crociere e Savona è stata ribadita ieri mattina nel corso di un incontro a Palazzo Lamba Doria tra il direttore generale di Costa Crociere, Gianni Onorato, il sindaco di Savona, Federico Berruti, il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, e il presidente dell’Autorità Portuale di Savona – Vado Ligure, Rino Canavese.

Confermato l’impegno per il raddoppio del Palacrociere, la stazione marittima che la Compagnia italiana gestisce direttamente dal 2003. E’ previsto a fine maggio 2012 l’inizio dei lavori di costruzione del secondo terminal passeggeri, per la cui realizzazione Costa investirà circa 9 milioni di euro.

La gara d’appalto dei lavori è stata completata il 10 febbraio scorso. L’assegnazione dell’incarico alla ditta appaltatrice, espletate tutte le procedure, avverrà a fine aprile 2012. Il cantiere resterà aperto circa 15 mesi; con la previsione quindi che a fine agosto 2013, quando inizia la stagione di massima concentrazione di navi da crociera a Savona,  il nuovo terminal sia operativo per le prime navi.

Il secondo terminal avrà un’area complessiva di 3.500 mq. Sarà un terminal “satellite”, funzionalmente collegato alla stazione marittima esistente, con la possibilità, quindi, di utilizzare i servizi già presenti nel Palacrociere, ma in grado di operare come un terminal autonomo, con aree di attesa, aree di transito e area bagagli indipendenti.